Calcionetti di ceci

Quante volte ho ammesso di conoscere ricette e cibi della nostra tradizione, ma di averli apprezzati solo da adulta? Molte volte e, aggiungo, che anche la ricetta dei calcionetti di ceci fa parte di questa cerchia. Che cosa sono i calcionetti? Ernesto Giammarco, linguista italiano originario abruzzese, li descrive così nel primo volume del Dizionario Abruzzese e Molisano (DAM) edito nel 1968: “cavezone” o “cavicione” specie di ravioli ripieni di

Read More...

Pan dell’Orso

Un giorno d’autunno di tanti anni fa, i pastori erano pronti a lasciare Scanno per condurre le greggi in terre più calde. Per affrontare il lungo viaggio ogni pastore riempì la bisaccia di Panelli, un pane dolce a base di mandorle e miele, buono e sostanzioso. Nella notte un grosso orso aggredì lo stazzo e la leggenda narra che divorò soltanto tutti i Panelli. Da allora quel dolce delizioso, venne chiamato Pan Dell’Orso. Questo

Read More...

Hamburger d’Agnello

Continua il nostro viaggio gastronomico dell’Abruzzo nel panino. Per la mia proposta ho preso spunto dalla tradizione e quindi ho pensato  ad  un Hamburger  d’Agnello con  verdure ripassate in padella e Peperone secco. L’agnello,  il re indiscusso della cucina abruzzese, non poteva mancare in un hamburger nostrano! Per le verdure mi sarebbe piaciuto usare gli “orapi” o i “cascigni” delle erbe spontanee molto conosciute in Abruzzo, ma difficili da reperire in

Read More...

BEANS BURGER D’ABRUZZO

Autunno è periodo di funghi, in Abruzzo i posti dove cercarli abbondano, boschi e colline riservano sorprese e i conoscitori delle zone “buone” in questo periodo fanno incetta di questi vegetali meravigliosi. E’ il periodo in cui se vado a far visita a mio zio, sicuramente ha delle belle sorprese messe da parte ad essiccare oppure, se conosco un minimo mia zia Sonia, avrà già preparato il sugo di funghi

Read More...

L’Abruzzo nel Panino: il panino con il “Cuore di Paganica”

In Abruzzo il panino farcito è la stozza.  Un termine che arriva dalla tradizione contadina, quando la stozza era lo spuntino di metà mattinata durante la pausa di lavoro nei campi. Due fette di pane casereccio farcite con ingredienti semplici, poveri  e prodotti in casa. Infatti la stozza di solito era fatta con la frittata che le donne cucinavano di corsa tra una faccenda e l’altra, al mattino, per poi portarla ai

Read More...

VOV

Non ricordavo il sapore di questo liquore finché la mia amica Patrizia non me lo offrì esattamente un anno fa, mentre ci salutavamo per il suo trasferimento. Non lo ricordavo perché di fatto non lo avevo mai assaggiato prima, dato che da anni era ormai scomparso dalla vetrina dei liquori di mia madre e prima ancora da bambina sarebbe stato impossibile provarlo. Chiederle la ricetta è stata la cosa più

Read More...

Il fagiolo di Paganica in una zuppa di cozze

Per secoli, alle pendici del Gran Sasso, presso la conca del fiume Vera venivano coltivati i fagioli ad olio (o a pane) e i fagioli bianchi. Una coltura tradizionale agevolata dalla presenza di suoli freschi e  profondi, di natura alluvionale, e dalla presenza di corsi d’acqua, alimentati da numerose risorgive che scendono dal Gran Sasso. La coltivazione dei fagioli, detti anche di Paganica, richiedeva però grande manodopera da parte di donne e uomini

Read More...

Apriamo la stagione delle grigliate con gli arrosticini di scamorza

Con il mese di maggio ufficialmente si aprono le danze della stagione delle grigliate, dei pranzi al sole e dei picnic all’aria aperta. In Abruzzo le occasioni e i posti dove poter fare delle bellissime scampagnate non mancano di certo. Qui abbiamo già iniziato ad accedere le griglie e a divertirci con le braci. Si sa la carne è sempre regina di questi aventi, primi fra tutti gli arrosticini, ma

Read More...

Spaghettoni con lupini di mare

“Leggevo su un quotidiano, qualche giorno, fa che Gualtiero Marchesi, uno dei grandi maestri della cucina italiana, ama  ricordare spesso una bellissima frase lasciata da Seneca nel suo testamento : “ L’uomo una volta non aveva bisogno del medico perché mangiava in maniera sana”. Le semplici ricette di cucina marinara,  non hanno pretese ma un forte legame con il territorio, e riflettono ovviamente le  caratteristiche di altre simili preparate da sempre

Read More...

E se arriva la neve: zuppa di volarelle e lenticchie!

Quando si parla di cucina aquilana, si pensa spesso a piatti elaborati a base di zafferano o tartufo. In realtà questi prodotti d’elite, seppur simbolo del nostro territorio, non sono quasi mai protagonisti della cucina locale verace, quella tramandata dalle nostre nonne. La vera cucina aquilana è quella capace di riproporre in modo sempre nuovo e succulento, i soliti prodotti poveri un tempo sempre presenti nella dispensa e nella cantina di tutti: il

Read More...