Hamburger d’Agnello

Continua il nostro viaggio gastronomico dell’Abruzzo nel panino.

Per la mia proposta ho preso spunto dalla tradizione e quindi ho pensato  ad  un Hamburger  d’Agnello con  verdure ripassate in padella e Peperone secco.

L’agnello,  il re indiscusso della cucina abruzzese, non poteva mancare in un hamburger nostrano! Per le verdure mi sarebbe piaciuto usare gli “orapi” o i “cascigni” delle erbe spontanee molto conosciute in Abruzzo, ma difficili da reperire in autunno, quindi ho optato per mix di bieta e cicoria.

Per quanto riguarda il peperone secco, non ho avuto dubbi, non poteva non essere che  il Peperone rosso dolce di Altino,  dal 2015 anche  Presidio Slow Food,conosciuto qui in Abruzzo come il peperone che cresce con la testa all’insù a “cocc capammont”.

Si utilizza principalmente secco o ridotto in polvere, i peperoni interi si possono tostare in forno o friggere velocemente, fatti raffreddare e poi sbriciolati sulle pietanze come verdure, carne e baccalà, si possono anche aggiungere nell’impasto di pasta e pane, ricavandone un profumo e un colore dell’impasto davvero caratteristico.

Si dice che esiste una pianta gemella del peperone di Altino in Ungheria e che fu proprio questo popolo slavo che sul finire del XV secolo scappando all’avanzata dell’impero Turco nei Balcani e cercando rifugio anche sul territorio abruzzese, in particolare nella provincia di Chieti portò con se la pianta di peperone e l’usanza di ridurlo in polvere.

Se ci pensiamo bene si tratta dello stesso procedimento che in Ungheria usano per la preparazione della Paprika che altro non è che polvere di peperone secco.

Popoli  e tradizioni che si uniscono e lasciano il segno una sull’altra.

Il cibo ancora una volta si fa veicolo di ricchezza e cultura.

Dopo questa piccola riflessione vi lascio la ricetta del mio panino, spero vi piaccia!

GiovannaA Hamburger d'agnello con verdure ripassate in padella e peperone 044

Hamburger d'Agnello con verdure ripassate e peperone secco
Print
Ingredients
  1. Per 4 panini
  2. 175 g di Farina 0
  3. 175 g di Farina di Solina
  4. 270 g di Acqua
  5. 20 g di Olio extra vergine d'oliva
  6. 5 g di Lievito di birra
  7. 6 g di sale
  8. Inoltre
  9. 4 Hamburger d'Agnello
  10. 300g di Bieta e Cicoria bollite
  11. 1 Spicchio d'Aglio
  12. Olio
  13. Sale e Pepe
  14. 4 Peperoni rossi secchi di Altino
Instructions
  1. Per i panini fate un polish con 50g di farina, 50 g di acqua in cui avrete sciolto il lievito, fate raddoppiare di volume. a questo punto
  2. unite la restante farina e l'acqua e impastate, unite infine l'olio in cui avrete sciolto il sale, incorporatelo bene all'impasto, formate un panetto e lasciate a riposare in un luogo caldo e asciutto possibilmente in un recipiente di vetro.
  3. Quando il vostro impasto sarà raddoppiato, trasferitelo su una spianatoia infarinata, formate i vostri panini e disponeteli su una teglia ricoperta di carta forno ben distanziati. Fate lievitare nuovamente, praticate delle incisioni se volete sui panini con l'aiuto di una lametta e cuocete in forno a 200° per una 20ina di minuti.
  4. Nel frattempo cuocete gli hamburger su una piastra, fate saltare le verdure bollite in una padella con uno spicchio d'aglio e friggete i peperoni per pochi secondi.
  5. Sfornate i panini fateli raffreddare un attimo, poi farciteli con le verdure, l'hamburger e i peperoni secchi. Non vi resta che assaggiarli gustandoli con delle patate del Fucino tagliate a mano e fritte e una buona birra locale.
Notes
  1. Per praticità i miei hamburger d'agnello li ho fatti preparare dal macellaio di fiducia, ma se volete farlo da voi quello che vi serve è semplicemente della buona polpa d'agnello e un pizzico di sale.
Taste Abruzzo http://www.tastefromabruzzo.com/

GiovannaA Hamburger d'agnello con verdure ripassate in padella e peperone 031

You Might Also Like

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>