Il cavolfiore non è un cavolo che ha frequentato l’università

Ogni volta che scrivo di cibo percorro varie strade, che sia la ricerca dei ricordi legati ad una ricetta o la storia dei suoi ingredienti ad ogni modo faccio sempre un lungo viaggio tra i libri, nel web, nella mia storia personale. 

Io amo questa ricetta, un contorno così ricco da rendere il cavolfiore davvero speciale, con le olive nere e l’uvetta e un leggero sentore di aglio. Per prepararla questa volta ho usato le olive nere che avevo raccolto ad ottobre e avevo curato lasciandole in un barattolo con il sale, la buccia d’arancia, l’aglio e i semi di finocchietto per un mese intero prima di aprirle.   

Per ridurre il cattivo odore in cottura ho applicato il mio solito trucco, so che molti conoscono l’uso del pane intriso di aceto nell’acqua della bollitura, mentre io cuocio il cavolfiore con alcuni gambi di sedano. Ad ogni modo ho scoperto che occorrono almeno 15 minuti prima che lo zolfo contenuto in questo ortaggio scarichi il suo forte odore, anche se per poter conservare tutto il contenuto di vitamina C del quale è ricchissimo andrebbe consumato crudo.

Di tutte le curiosità delle quali sono venuta a conoscenza documentandomi, mi è piaciuta molto la citazione che ho trovato in Mark Twain nel romanzo del 1894 “Wilson lo svitato”:

“L’evoluzione è tutto. La pesca, un tempo, era una mandorla amara;

il cavolfiore non è che un cavolo che ha frequentato l’università.”

L’idea di evoluzione, di crescita e cambiamento che evoca questa frase, non proprio immediata, mi ha fatto divertire, la voglio dedicare al 2016 di Taste Abruzzo, che sia di buon auspicio per questo grande progetto a più mani.

Anna_cavolfiore_saltato2CAVOLFIORE CON UVETTA E OLIVE NERE
Ricetta di Annarita Delli Compagni
Cavolfiore
Gambi di sedano
Olive nere intere
Uva sultanina
olio
aglio
sale
Preparazione
Fate rinvenire l’uvetta in una ciotola con acqua tiepida. Pulite il cavolfiore eliminando le foglie e dividendo le cimette. Lavatelo e fatelo cuocere 15/20 minuti in acqua bollente con alcuni gambi di sedano. Scolatelo quando è ancora al dente. Intanto fate scaldare in una casseruola due o tre spicchi di aglio in camicia in pochi cucchiai di olio, versate il cavolfiore scolato e aggiungete qualche cucchiaio di acqua. Coprite e lasciate cuocere ancora qualche minuto. Scolate e strizzate l’uvetta, aggiungetela al cavolfiore e unite anche alcuni cucchiai di olive nere intere e qualche pizzico di sale. Lasciate asciugare ancora qualche minuto, spegnete il fuoco, Versate ancora un filo d’olio e servite.  

Anna_cavolfiore_saltato1

You Might Also Like

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>