La pasta allo Sparone

La Pasta è di certo il simbolo della cucina Italiana.

Tanto che lo stereotipo dell’uomo italiano divoratore di spaghetti si è affermato in tutto il mondo.

Già alla fine del settecento uno stupito Goldoni trovandosi a Parigi a pranzo da amici, sentì rimproverare la padrona di casa da un commensale dicendogli: “ Voi date la Zuppa a un Italiano?!! Ma gli Italiani non mangiano che Maccheroni, Maccheroni, Maccheroni”

Si  pensa che fu la Persia l’area di diffusione primaria di questo alimento e che furono gli Arabi con molta probabilità a diffondere l’uso della pasta in Italia, poi la convergenza delle tradizioni gastronomiche Romane e Arabe fecero il resto e l’uso della pasta si diffuse in tutto lo stivale.

Al sud si istaurò una tradizione di pasta semplice nel cui impasto è previsto  solo l’uso di farina e acqua al nord invece trionfa la pasta all’uovo e quella ripiena.

L’Abruzzo in quanto regione centrale abbraccia entrambe le tradizioni, infatti troviamo impasti di solo acqua e farina, impasti con l’uovo e anche impasti fatti con metà acqua e metà uovo e inoltre anche le paste ripiene, Ravioli, Scripelle e altro.

Regina indiscussa è senz’altro “La Chitarra” ma tantissime sono le varietà di pasta abruzzesi, tra le più famose ricordiamo le Sagne, la Mugnaia, il Rintrocilo,la Pecorara, i Tacconi e diverse varietà di paste ripiene.

Oggi vi lascio la ricetta di una pasta della tradizione, una pasta ripiena delle feste: La Pasta allo Sparone

Un rotolo di pasta fresca ripieno di Spinaci e Ricotta, la cui peculiarità sta nel metodo di cottura, il rotolo di pasta infatti viene avvolto in uno strofinaccio, lo Sparone in dialetto abruzzese, e cotto in acqua bollente, questo metodo dona alla pasta una morbida consistenza e una delicatezza del tutto particolare. 

GiovannaA Pasta allo sparone 03

Pasta allo Sparone
Print
Ingredients
  1. 300 g di Farina per pasta fresca
  2. 3 uova
Per il ripieno
  1. 300 g di Spinaci
  2. 500 g di Ricotta fresca di Pecora o di Mucca
  3. 100g di Parmigiano
  4. 1 uovo
  5. Sale
  6. Pepe
  7. Per Condire
  8. Besciamella oppure un Sugo semplice oppure Burro e Salvia
Instructions
  1. Scottate gli spinaci, scolateli e tritateli.
  2. In una ciotola setacciate la ricotta, lavoratela con il parmigiano e l’uovo, aggiungete gli spinaci, aggiustate di sale e pepe e amalgamate bene l’impasto e mettetelo da parte.
  3. Su una spianatoia con la farina formate una fontana, unite le uova, lavorate piano piano fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Coprite con un panno e lasciate riposare per 20 minuti circa, stendete la pasta con l’aiuto di un matterello o con la macchina per la pasta ad uno spessore di circa 2 mm.
  4. Una volta formata la nostra sfoglia , distribuite in maniera uniforme il ripieno avendo cura di lasciare liberi i bordi, per evitare la fuoriuscita del ripieno.
  5. Quindi arrotolate la pasta, avvolgete il rotolo così ottenuto, in uno strofinaccio ben stretto e chiuso con uno spago alle due estremità e cuocete in acqua bollente per 20/30 minuti. Togliete dal fuoco, liberate dallo “sparone” fate ben raffreddare, tagliate il rotolo a rondelle, condite come più vi piace , con un sugo semplice, in bianco con la besciamella, con burro e salvia ma se volete sono buonissimi anche così semplicemente scaldati un attimo in forno.
Notes
  1. Lo strofinaccio con cui avvolgete la pasta deve naturalmente essere privo di saponi e ammorbidenti, in alternativa potete usare le carte speciali per la cottura che oggi si trovano facilmente in commercio.
Taste Abruzzo http://www.tastefromabruzzo.com/

GiovannaA Pasta allo sparone

You Might Also Like

2 Comments

  1. 1

    Complimenti per il blog e soprattutto da Abruzzese non posso che dirti grazie per aiutare a diffondere conoscenza su una regione così stracolma di risorse e qualità

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>