Un dolce Natale: coperchiole con miele e noci

In queste pagine virtuali abbiamo avuto modo di raccontarvi storie, appellativi e aspetti delle famose e versatili ferratelle abruzzesi: le neole con il mosto cotto, le pizzelle morbide, le ferratelle a cono farcite di cremoso gelato.
Ogni angolo d’Abruzzo dalla montagna, alla collina, fino al mare ha la sua tradizioni peculiari legate a questo dolce che ormai ci rappresenta in tutto il mondo. Dalle ricette ai tipi di ferro utilizzati ci sarebbe da scrivere un’enciclopedia su questo argomento!
Il comune denominatore è che sono cialde cotte all’interno di un ferro a doppia piastra, che imprime una caratteristica forma rettangolare, tondeggiante o a ventaglio (oggi anche a cuore!) e contrassegnata dalla forgiatura in rilievo: tipiche sono la forma a rombo, stella o cancello.
Le origini sono piuttosto incerte, comunque era tradizione dei fabbri forgiare i ferri con lo stemma del casato oppure con le iniziali della proprietaria, generalmente la sposa, che lo portava in dote.

Nel periodo di Natale a L’Aquila si cominciava molto presto, già dai primi di dicembre a preparare le coperchiole. Parliamo sempre di ferratelle, che in questo caso prendono il nome da “coperchio” poiché vengo farcite e accoppiate come un panino. Sulla farcitura c’è da sbizzarrirsi: marmellata, crema di nocciole oppure, il più natalizio miele e frutta secca.
Due ingredienti che nei dolci tipici del Natale ricorrono nelle culture di tutte il mondo: la frutta secca come simbolo di abbondanza e prosperità e il miele come auspicio di un anno dolce e sereno.

Coperchiole con miele e noci_Laura Gioia

COPERCHIOLE CON NOCI E MIELE
Ricetta di Laura Gioia
500 g di farina
50 g di zucchero
20 g di miele
100 g di olio extravergine delicato (o semi bio)
4 uova
un cucchiaio di Aurum
una presa di sale

Per la farcitura
200 g di noci tritate
200 g di mandorle tostate e tritate
100 g di miele 
la scorza di un’arancia

Preparazione
Prepariamo la farcia: in un pentolino dal fondo alto, scaldiamo il miele a fuoco basso per qualche minuto (4/5′). Quindi aggiungiamo la frutta secca tritata e la buccia di arancia grattugiata, mescoliamo bene e togliamo dal fuoco.
Impastiamo la farina con le uova, il sale, lo zucchero, il miele, l’olio e l’Aurum. Formiamo con la pasta dei rotolini di circa 2 centimetri e tagliarli in pezzi di circa 3 cm. Scaldiamo il ferro da ferratelle, con piastra rotonda, e mettiamo, uno per volta, i pezzettini, facendo biscottare da ambo i lati.
Al momento della farcitura, poiché il composto di miele e noci una volta raffreddato diventa piuttosto denso, poniamolo a bagnomaria in modo che resti sempre fluido. Farciamo a due a due le coperchiole e schiacciamo delicatamente il ripieno con una forchetta, dopodiché lasciamo riposare in luogo fresco e asciutto.

 

You Might Also Like

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>