Home Collina Paese che vai usanza che trovi. I torcinelli

Paese che vai usanza che trovi. I torcinelli

by Paola DAgostino
0 commento

Paese che vai usanza che trovi“. Recita così un famoso proverbio ed in effetti si tratta di una grande verità. Tutte le nonne abruzzesi hanno preparato almeno una volta nella vita “i torcinelli”, dei dolci fritti tipici che in Abruzzo, tradizionalmente si preparano durante il periodo natalizio, ma che (per fortuna) si trovano ampiamente anche nei mesi a seguire. E infatti, visto che febbraio si avvicina, sono perfetti anche per il Carnevale perché i torcinelli sono dei dolcetti fritti molto morbidi e saporiti ricoperti da abbondante zucchero.

Mettono sempre d’accordo grandi e piccini e come per ogni dolce locale, esistono in tantissime varianti: farcite con uvetta passa o anice stellato, sono una tentazione cui è impossibile resistere.

L’ingrediente base rimane sempre la patata lessa che li rende molto soffici, specie appena preparati.

Torcinelli2

C’è sempre un profumo “di casa” quando si ripropongono questi dolci e sono convinta che tramandarli attraverso le generazioni sia una delle più grandi ricchezze che si possa avere.

Mia nonna li ha sempre preparati con l’uvetta passa ed è innegabile che i sapori che conosciamo bene sono quelli a cui siamo più legati, perciò è così che io ve li propongo.

I torcinelli
Print
Ingredients
  1. 400g di patate gialle
  2. 1 uovo
  3. 70g di latte
  4. 1/2 cubetto di lievito di birra
  5. 350g di farina
  6. un pizzico di sale
  7. vino bianco qb
  8. zucchero per spolverarli qb
  9. uvetta candita qb
  10. olio di arachidi per friggere
Instructions
  1. Lessiamo le patate con la buccia nell'acqua bollente. Scoliamole per bene e lasciamole intiepidire, quindi sbucciamole e riduciamole in purea.
  2. Sciogliamo il lievito di birra nel latte tiepido; aggiungiamo quindi la farina setacciata, il sale, le patate e l'uovo sbattuto amalgamando per bene. Aggiungiamo anche del vino bianco fino ad ottenere un impasto morbido e appiccicoso. Incorporiamo quindi l'uvetta e lasciamo lievitare
  3. fino al raddoppio.
  4. Trascorso il tempo della lievitazione, poniamo dell'olio in una padella alta e larga. Preleviamo
  5. con le mani ben unte delle piccole porzioni di impasto e lavoriamole in modo da conferire loro la
  6. caratteristica forma allungata. Immergiamo i torcinelli nell'olio bollente e rotoliamo per bene in
  7. modo da farli dorare bene su tutta la superficie.
  8. Scoliamoli per bene su carta assorbente e rotoliamoli nello zucchero.
Taste Abruzzo https://www.tastefromabruzzo.com/

Torcinelli3

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

UA-54670811-1