Home Collina Profumi e sapori d’autunno: la marmellata di mele cotogne

Profumi e sapori d’autunno: la marmellata di mele cotogne

by Laura Gioia
0 commento

Se l’autunno avesse un profumo, per me sarebbe quello delle mele cotogne.

Vicino casa, quando era bambina, c’era un piccolo cascinale abbandonato circondato da grossi alberi. Trascorrevo interi pomeriggi a giocare lì intorno e, tra settembre ed ottobre, quegli alberi si riempivano di grossi frutti dalla strana forma, un ibrido tra mela e pera, con la buccia dorata coperta da una diffusa peluria. Il loro profumo era dolce ed intenso, come quello del miele. Erano alberi di mele cotogne.

mele cotogne_lauragioia

L’entroterra abruzzese è ancora oggi ricco di antichi terreni abbandonati, dove è possibile fare una bella raccolta di mele cotogne. E’ uso comune raccogliere le mele cotogne  quando sono ancora verdi, per evitare di competere con animali, insetti o con il maltempo.  Verrano poi messe in cantina o in casa, dove matureranno con il tempo. L’ideale sarebbe aspettare che maturino sull’albero e raccoglierli quando si staccano dal ramo, toccandoli appena. Ma lungi da me andar contro ad antica usanza contadina 😉

marmellata di cotogne_ Laura Gioia

Le nonne mettevano le mele cotogne nell’armadio per profumare la biancheria o nel centrotavola, in cucina, per donare all’ambiente quel profumo fresco, dolce e accogliente. Una volta che i frutti erano ben maturi, preparavano la cotognata o la marmellata. Realizzare queste conserve in autunno è una tradizione mantenuta da molte famiglie abruzzesi. E ogni casa ha la sua variante, sempre la migliore di tutte! C’è chi aggiunge alle mele cotogne l’uva, chi il mosto d’uva e chi  fa un mix di vari tipi di mele.
Il risultato è sempre una marmellata profumatissima con sentori di fiori di mandorlo.

mele cotogne_lauragioia

Io oggi vi do la ricetta più comune, quella fatta con solo zucchero e mele cotogne. 
Domani abbiamo in serbo per voi un dolce spettacolare che ha tra gli ingredienti questa marmellata, quindi restate sintonizzati!! 🙂

MARMELLATA DI MELE COTOGNE

Ricetta di Laura Gioia

2kg di mele cotogne mature
zucchero di canna
mezzo limone

Pulisco e lavo le mele cotogne sotto l’acqua corrente. Con uno spilucchino elimino eventuali impurità e parti rovinate. Taglio le mele a metà, eliminando la parte interna che è la più fibrosa. Poi taglio le mele a tocchetti e le tuffo in una ciotola d’acqua in cui ho spremuto un limone. Questo eviterà l’ossidazione. Non tolgo la buccia alle mele perché è ricca di pectina e quindi facilita la gelificazione della marmellata. Anche per questo scegliete frutta biologica per preparare la vostra marmellata. 

Tuffo i pezzi di mela cotogna in acqua bollente  e le cuocio per 20 minuti, fin quando non sono morbide. Scolo i pezzi di mele e li passo al passaverdure. Non usate il mixer perché altera il sapore e andreste a perdere quel buon sapore di antico tipico delle confetture fatte in casa. 
Verso le mele schiacciate e lo zucchero in una casseruola. Lo zucchero va calcolato 400 g ogni chilo di purea ottenuta. Spremo nella casseruola mezzo limone, mescolo bene e lascio sobbollire a fuoco dolce, fin quando non raggiungo la consistenza desiderata.

Conoscete la prova del piattino, vecchie trucco delle nonne?  Metto un cucchiaino di marmellata su un piattino se inclinandolo questa non scivola velocemente, vuol dire che è pronta.

A questo punto la verso nei vasetti sterilizzati quando è ancora calda, metto il tappo e la capovolgo. Lascio raffreddare e conservo in dispensa.
Dopo un mese è pronta per essere assaggiata!

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

UA-54670811-1