Home Collina Dall’uva Montepulciano a ‘scrocchiata’ a ‘cellipieni’

Dall’uva Montepulciano a ‘scrocchiata’ a ‘cellipieni’

by Laura Ottaviantonio
7 commenti

La forma è quella dei tarallucci ma il nome varia a seconda della provenienza.

Piccillati” o “calcioni”, infatti, sono nomi che a me dicono poco, ma se mi avvicinassi ai miei luoghi d’origine, partendo da quel lato di costa sanvitese in direzione di Lanciano fino all’entroterra più aspro di Guardiagrele, io sicuramente li riconoscerei, col nome di ‘cellipieni’.

Laura O. Cellipieni

Un classico gustoso tra i dolci della tradizione abruzzese, buoni in tutte le circostanze ma certo più indicati in occasione delle nozze, per simboleggiare il volo della sposa dalla casa paterna. Proprio da questa storia dipende la forma di schematici uccelletti e sicuramente il nome che, nel dialetto teatino, è appunto quello di ‘cellipieni’.

In questi dolci la fragranza che sa di Abruzzo è tutta nella ‘scrocchiata: si tratta di una marmellata che si ottiene dalle uve di Montepulciano, inconfondibili al palato di chi le ama e sa riconoscerne l’anima nera dal sapore netto e deciso.

Nella preparazione dei cellipieni, la scrocchiata non si limita ad essere protagonista, ma addirittura si ‘fa bella’, e cioè ‘s’acconcia’ come è d’uso dire per alludere al fatto che deve diventare più buona. Le donne sanno bene che l’aggiunta di cannella, polvere di caffè, mandorle tritate, cioccolato fondente e bucce d’arancio rendono l’aroma della marmellata ancora più penetrante offrendo ai dolci la possibilità di gareggiare per bontà di casa in casa, di famiglia in famiglia.

Laura O. Cellipieni

Così io, tra infinite varianti, ho preso una posizione coniugando due ricette distinte: da una ho catturato l’idea della scrocchiata che ‘s’acconcia’, per il piacere di provare il bilanciamento aromatico delle spezie. Per quanto riguarda la pasta ‘biscottosa simil frolla’ ho optato per la versione più povera, quella in cui vino e olio d’oliva hanno il compito di ammorbidire l’impasto a dispetto della mancanza di burro e uova.

Cellipieni
Print
Ingredients
  1. Per la pasta
  2. -600 gr di farina
  3. -140 gr di vino bianco
  4. - 160 gr di olio evo
  5. - 50 gr di zucchero semolato
  6. - 1⁄2 bustina di lievito in polvere
  7. Per il ripieno
  8. 500 gr di marmellata d’uva (scrocchiata)
  9. 200 gr di mandorle pelate e tritate
  10. buccia grattugiata di un’arancia non trattata
  11. Mosto cotto (o Marsala) quanto basta per ammorbidire la marmellata
  12. 4 quadratini di cioccolato fondente
  13. 1⁄2 cucchiaino di polvere di caffè
  14. 1 cucchiaino piccolo di cannella
Instructions
  1. Scaldare pochi minuti olio e vino fino a renderli tiepidi e versarli in una ciotola in cui sono stati già disposti gli ingredienti secchi: farina, zucchero e lievito.
  2. A questo punto, amalgamare tutti gli ingredienti. Impastare fino a raggiungere una consistenza morbida e liscia. Lasciar riposare sulla spianatoia per 10’ circa ma non di più perché gli impasti a base di olio tendono a perdere in elasticità.
  3. Intanto in un tegame dai bordi alti versare gli ingredienti del ripieno: scaldare la marmellata giusto il tempo necessario che la cioccolata si sciolga. Amalgamare per bene tutti gli ingredienti e lasciar raffreddare.
  4. Quando la marmellata è fredda, cominciare a spianare l’impasto se necessario aiutandosi con un po’ di farina. Raggiunto lo spessore desiderato, con un coppa pasta di 10-12 cm di diametro ricavare dei cerchi (i ritaglia di pasta possono essere rimpastati per ottenere altri cellipieni).
  5. Mettere al centro di ogni singola sfoglietta un cucchiaino di marmellata e ripiegare sui bordi e sigillare per bene con le dita, a questo punto convergere le estremità ottenendo la forma di un tortellino.
  6. Infornare a 180°C per 15’ circa finché i dolcetti non risultino leggermente dorati sul fondo.
  7. Appena sfornati, spolverizzare con zucchero a velo.
Adapted from “La cucina abruzzese dei trabocchi” di M.T.Olivieri
Adapted from “La cucina abruzzese dei trabocchi” di M.T.Olivieri
Taste Abruzzo https://www.tastefromabruzzo.com/

Laura O. Cellipieni

Ti potrebbe interessare:

7 commenti

“Cellipieni” per Taste Abruzzo | ilgamberorusso 24/09/2014 - 10:47

[…] seguire il filo del mio racconto, scoprirà e assaggerà molto di più venendomi a trovare su Taste Abruzzo, dove il sapore incontra la natura. Io, sarò […]

Rispondi
Avatar
franci e vale 24/09/2014 - 15:24

Favolosi biscottini mai provati!!! Apprezzo molto la frolla diventata leggera e l’abitudine di aggiungere ingredienti magici alla marmellata d’uva, per renderla speciale!
Brava!
Franci

Rispondi
Laura Ottaviantonio
Laura Ottaviantonio 24/09/2014 - 17:29

Grazie mille Franci e se li provi fammi sapere 🙂

Rispondi
Avatar
Mimma e Marta 24/09/2014 - 21:57

Mamma maria quando devono essere buoni!!! Bellissime le foto, come sempre 🙂

Rispondi
Laura Ottaviantonio
Laura Ottaviantonio 25/09/2014 - 07:26

Grazie mille Mimma e Marta, mi fa piacere trovarvi qui 🙂 io sono un po’ di parte ma in effetti il sapore è molto molto particolare grazie al mix di spezie, ecco perché sono provare!;)

Rispondi
Avatar
alessandra 29/11/2014 - 14:18

Un ricordo bellissimo della mia infanzia, sono curiosa di provarli, ma per quadratini di cioccolata cosa intendi??

Rispondi
Avatar
Laura 29/03/2015 - 07:52

Ciao Alessandra, scusami leggo solo ora il tuo commento! Per ‘quadratini’ intendo i riquadri di una tavoletta di 300 gr. circa, insomma non troppo piccoli ma neanche troppo grandi!:-)

Rispondi
la scrucchiata | Kitty's Kitchen 14/09/2015 - 08:16

[…] marmellata scura e densa viene utilizzata tradizionalmente per altre preparazioni tipiche, i “cellipieni” ad esempio, unita a noci, mandorle cannella o […]

Rispondi
Avatar
Gabriella 02/01/2019 - 21:09

Grazie mile per questa riceta perque io sono di Abruzzo e o chercato una riceta per fare ciellipieni. Questa ricetta me a usito buonismo. Grazie Gabriella

Thank you for this recipe it’s easy and they turned out great the first time I made them. I can’t stop eating them.
Thank you Gabriella

Rispondi

Lascia un commento

UA-54670811-1