Home Collina Da una storia contadina, la frittata con le “zolle” d’aglio

Da una storia contadina, la frittata con le “zolle” d’aglio

by Elisa Ceccuzzi
0 commento

La storia è questa qui.

O almeno la storia che è stata raccontata a me da mio zio, che a sua volta l’aveva sentita da suo padre, che era il mio bisnonno.

E’ una storia di cultura contadina e inizia a primavera quando fanno capolino dal terreno i primi germogli teneri delle piante, in questo caso delle piantine di aglio.

Il mio bisnonno spiegava:

E’ questo il momento dell’anno in cui nascono le prime piante e devi sapere che ci sono le piante di aglio maschio e le piante di aglio femmina – Diceva il mio bisnonno indicandole:- Quelle che escono fuori con questi zeppetti dritti sono gli agli maschi e si possono raccogliere, sono le “tolle”. Vedi? Queste piante hanno un unico bulbo sotto, non ha gli spicchi.

Le tolle d’aglio, come le chiamiamo noi, sono più conosciute come zolle, e ovviamente dubito fortemente che la famiglia degli “agli” si possa distinguere botanicamante in maschio e femmina (o forse si , vai a sapere). Comunque queste zolle sono gli steli del fiore della pianta dell’aglio, per cucinarli bisogna prendere solo la zona centrale più morbida ed eliminare punta e base.

Per i temerari, queste tenere erbette “odorose” sono utilizzate nelle frittate e attualmente si trovano anche in conserva sott’aceto. Mi è capitato di vederli di un paio di produttori abruzzesi, vengono conservati all’interno di barattoli e assomigliano a fagiolini verdi. Le zolle fresche ovviamente, hanno un gusto più intenso di quelli in conserva, ma per la ricetta si possono utilizzare anche quelli in barattolo.

Per questa preparazione propongo due versioni, quella light al forno, senza grassi aggiunti e quella (più buona, posso ammetterlo?!?) fritta in padella, con il formaggio.

Questa frittata veniva consumata anche fredda dentro un panino durante il lavoro in campagna.

elisa ceccuzzi - Frittata con le zolle d'aglio_ (23) copia

FRITTATA CON LE ZOLLE DI AGLIO
Print
Ingredients
  1. (versione al forno)
  2. 5 uova
  3. 200 gr di zolle di aglio fresche
  4. sale
  5. (versione in padella)
  6. 5 uova
  7. 50 ml di latte fresco
  8. 200 gr di zolle d’aglio
  9. 50 gr di Parmigiano
  10. 50 gr di Pecorino
  11. olio extravergine d’oliva fruttato medio
  12. sale
Instructions
  1. (versione al forno)
  2. Sbattere le uova con una forchetta e salarle leggermente.
  3. Tagliare le zolle d’aglio della lunghezza di 6 cm circa e scottarle in padella a fuoco basso aggiungendo un goccio d’acqua e del sale, fino a che non sono tenere.
  4. Aggiungere le zolle alle uova e trasferire tutto in uno stampo foderato di carta forno, in una teglia di 23 cm diametro.
  5. Cuocere in forno a 190° per 30 minuti fino a che non è ben dorata.
  6. Lasciar intiepidire e staccare la carta forno delicatamente dalla superficie inferiore.
  7. (versione in padella)
  8. Sbattere le uova con una forchetta e aggiungere un goccio di latte perché la frittata rimanga più soffice e aggiungere le zolle d’aglio precedentemente stufate in padella con un goccio d’acqua.
  9. Aggiungere le zolle alle uova insieme al formaggio grattugiato.
  10. Sbattere il tutto e versare in una padella leggermente unta di olio.
  11. Cuocere prima da un lato per circa 15 minuti, poi, con l’aiuto di un piatto piano, capovolgere la frittata e cuocere 5 minuti anche da secondo lato.
  12. Servire calda, oppure anche fredda tagliata a cubetti per un aperitivo.
Taste Abruzzo https://www.tastefromabruzzo.com/
elisa ceccuzzi - Frittata con le zolle d'aglio_ (37) copia

Ti potrebbe interessare:

0 commento

Frittata con le zolle d'aglio | Kitty's Kitchen 20/04/2015 - 10:22

[…] e perfetta per imbottire panini o per essere portata ad un picnic tagliata a cubetti. La trovate qui in doppia versione: in padella o al forno, basta collegarsi a Taste from […]

Rispondi

Lascia un commento

UA-54670811-1