Le scrippelle ‘mbusse

Delle crespelle ci ha già ampiamente parlato Marianna un anno fa, con il suo delizioso piatto delle “scrippelle in forno”, descrivendo per bene come questo cibo, dall’impasto simile alle crêpes francesi, si contenda con queste ultime l’origine più antica. Se avete perso questo post vi consiglio di leggerlo anche per rispolverare l’aneddoto secondo il quale la nascita delle crespelle in brodo, come tanti altri capolavori della cucina internazionale, sia da attribuire all’errore di un cuoco distratto.

Non sbaglio, invece, se dico che le crespelle in brodo non sono mai mancate sulla nostra tavola di Natale. I primi piatti che amo preparare sono sempre gli stessi: la minestra di cardi e polpettine di carne, i tagliolini in brodo e le Scrippelle ‘mbusse.

Anna_crespelle_brodo1

Nel numero 35 (1972) della Rivista di dialettologia italiana “L’Italia dialettale” Domenico Silvestri nell’articolo “Abr. ciambrico e affini” a p. 87-88 descrive come i maccheroni siano conosciuti in alcune zone dell’Italia come “scribbi” o “scrippi” da qui la parola “scrippelle” potrebbe significare “maccherone molle, pieghevole” riferendosi alla sua caratteristica forma arrotolata come un maccherone, ma morbida, che nel dialetto abruzzese equivale a “lenta”.

E’ interessante venire a conoscenza anche di un detto circa questo piatto che è riportato nell’“Atlante paremiologico italiano: ventimila detti proverbiali raccolti in ogni regione d’Italia” che recita così: in “Tutte le scrippelle non vengono rotonde”, e per dare ragione a questo detto non vi resta che provare; scoprirete che, per quanto l’impasto sia facilissimo nella sua preparazione, la cottura delle scrippelle richiede destrezza nel versare la pastella e roteare la padella perché copra uniformemente tutto il fondo in modo da essere sottilissima per poi essere rivoltata e cotta al contrario.

Anna_crespelle_brodo1

CRIPPELLE ‘MBUSSE
Ricetta di Annarita Delli Compagni

Per il brodo di pollo
Metà di un pollo medio (1,2 kg)
2 carote
1 cipolla
Sedano
Prezzemolo
3 l di acqua
1 cucchiaio di sale grosso

In una pentola versate l’acqua, il sale e le verdure. Coprite e fate cuocere a fuoco medio per circa due ore. Spegnete, togliete il pollo e filtrate il brodo, tenetelo da parte.

Per le scrippelle
4 uova
8 cucchiai di farina
2 bicchieri di acqua

sale

Parmigiano Reggiano grattugiato

Sbattete le uova con il sale, aggiungete la farina un cucchiaio per volta e amalgamate. Unite l’acqua e terminate così di preparare la pastella. Scaldate una padella di 20 cm di diametro e ungetela con poco olio di oliva. Versate mezzo mestolino di impasto per volta, fate roteare l’impasto in modo che crei una forma tondeggiante e lasciate cuocere qualche secondo. Quando si sono rapprese giratele per cuocerle dall’altro lato. Al termine della cottura versate su ciascuna crespella qualche cucchiaio di Parmigiano Reggiano e arrotolatele. Disponetele in un piatto e versate sopra il brodo bollente, decorate con qualche foglia di prezzemolo tritato.
Anna_crespelle_brodo3

You Might Also Like

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>